PALAZZO NERONI CANCELLI
Tipo
signorile(Macrotipo: architettura residenziale)
Autore
costruzione attuale ambito culturale: ottocento locale
Descrizione
intero bene - edificio precedente - secolo XVI - L`edificio sorge nell`area occupata dalle case dei Cancelli, gia` docimentati a San Benedetto del Tronto alla meta' del sec. XVI e che, con i Voltattorni, furono forse la famiglia autoctona piu' antica e facoltosa. Nel catasto del periodo napoleonico l'area dell'odierno palazzo era suddivisa in piu' particelle abitative.intero bene - costruzione - secolo XIX - Le proprieta` dei Cancelli passarono ai Neroni quando nel 1806 Pacifica, figlia di Francesco, sposo' il conte Giuseppe Neroni di Ripatransone e gli porto' in dote tutte le proprieta' dei Cancelli. Nel 1853 lo storico ripano Filippo Bruti Liberati in '' Lettera per nozze Passamonti - Trebbia'' scrisse: ''Sento da molti che il mio concittadino Giuseppe Cav. Neroni che pure ivi (in San Benedetto) si e' dalla sua prima gioventu' stabilito, fabbricandoci palazzo e delizioso giardino..'', quindi e' da ripenersi che l'edificio attuale fu costruito tra il 1810 ed il 1840.intero bene - carattere generale - secolo XIX - Casa Neroni, situata nella parte alta del paese guardante il mare, era abbellita da un vastissimo giardino che occupava l'intero pendio orientale del colle ed era aperta a numerosi ospiti rallegrati spesso da ottima musicaintero bene - passaggio di proprietà - secolo XX - Nel 1968 gli eredi Neroni devolsero parte dell`immobile all`Istituto Santa Gemma e vendettero la restante parte a proprietari che parcellizzarono il bene in appartamenti e singole proprieta' operando modifiche e sostituzioni delle strutture originarie.intero bene - visita di Garibaldi - secolo XIX - Nel pomeriggio del 24 gennaio 1849 Giuseppe Garibaldi accompagnato da Ninio Bixio, Gaetano Sacchi ed altri, giunse a San Benedetto e fu ospite ambito di casa Neroni dove scrisse e lascio' nel salotto, a ricordo del suo passaggio e compiacimento, il biglietto : '' Alla Civica San Benedetto invia salute e fratellanza, il riconoscente G. Garibaldi.'' Il giorno successivo, mosse con i suoi compagni per Ascoli. A memoria del fatto, il Comune appose nella casa Neroni la lapide.intero bene - rappresentazione cartografica - secolo XIX - Nella mappa catastale del 1873 l`edificio, unica particella, risulta essere appartenente a Desideri Adele maritata Neroni ed era una casa con sei vani al p.t., nove al p. 1 e sedici al p.2.
Localizzazione
(AP) San Benedetto del Tronto
Identificatore
1100066188

Palazzo Neroni Cancelli Palazzo Neroni Cancelli Palazzo Neroni Cancelli Palazzo Neroni Cancelli Palazzo Neroni Cancelli