OINOCHOE
Tipo
oinochoe
Autore
fase Piceno III analisi stilistica
fase Piceno III bibliografia
Descrizione

Dell'oinochoe resta solo l'uovo di struzzo che ne costituiva il corpo, il bocchello in avorio configurato a testa femminile, molto simile a quella del pezzo analogo della t.14 di Pitino di San Severino. Il pezzo in esame doveva però presentare anche l'ansa, il piede ed il collo in materiale deperibile, probabilmente legno. Tutti questi elementi erano fermati al corpo con pernietti non metallici. Non si sono conservate tracce di eventuali dispositivi di fissaggio in ferro o bronzo. L'incisione dell'uovo, praticata certamente con una metodologia preparatoria di tipo chimico, la cui preparazione su cera è attestata dall'evidenza delle punte di compasso per la tracciatura degli archetti, già all'origine molto tenue, senza campi ribassati, tanto da far pensare ad un'originaria coloritura delle figure.

Datazione
sec. VII a.C. - 624 a.C. - 600 a.C. - Motivo della datazione: analisi stilistica sec. VII a.C. - 624 a.C. - 600 a.C. - Motivo della datazione: bibliografia sec. VII a.C. - 624 a.C. - 600 a.C. - Motivo della datazione: contesto
Materia e tecnica
oro resina uovo di struzzo/ a incisione avorio/ a intaglio
Localizzazione
(AN) Ancona
Collocazione
Soprintendenza Beni Archeologici delle Marche
Identificatore
1100319475
Proprietà
proprietà Stato

oinochoe oinochoe oinochoe oinochoe oinochoe oinochoe Mostra: Potere e Splendore. Gli antichi Piceni a Matelica