CROCIFISSIONE DI CRISTO E DONATRICE
Tipo
dipinto
Autore
Francescuccio di Cecco Ghissi notizie dal 1345 al 1374 , attr.; motivo dell'attribuzione: bibliografia
Descrizione
La `Crocifissione` costituisce lo scomparto centrale di un dossale ricomposto virtualmente dallo Zeri. Gli otto pannelli laterali sono stati individuati nelle due tavolette all'Art Museum di Raleigh (North Carolina), nelle due all'Art Museum di Portland (Oregon), nelle tre al Metropolitan Museum di New York e in un'ottava di cui si sono perse le tracce. Esse narrano storie del Battista e secondo Zeri erano disposte su due file, quattro per parte, ai lati della `Crocifissione`. Pur non comparendo firme, sia Berenson che Zeri ipotizzarono in quest'opera una tarda attività di Allegretto Nuzi in collaborazione con Francescuccio Ghissi, suo allievo di bottega. Zampetti ha invece attribuito l'intero dossale a quest'ultimo, ampliandone così la produzione pittorica che la critica ha sempre limitato quasi esclusivamente alle `Madonne dell'Umiltà`: Ghissi riproporrebbe nel dossale il linguaggio stilistico nuziano soprattutto nella delicatezza dei toni, dei gesti e in certe forme facciali (occhi a mandorla, visi allungati, palpebre gonfie e pesanti), lasciando trasparire invece uno stile più personale nelle dinamiche del racconto e nei tentativi di caratterizzazione somatica.
Soggetto
Crocifissione di Cristo e donatrice
Datazione
sec. XIV , 1370 - 1370 Motivo della datazione: bibliografia
Materia e tecnica
tempera su tavola
Misure
altezza 72.7 larghezza 50.3
Localizzazione
(Chicago)Localizzazione notaprovenienza: Italia - Marche (AN) Fabrianoprovenienza: Italia - Lazio (RM) Romaprovenienza: U.S.A. - New York New York Cityprovenienza: U.S.A. - New York New York Cityprovenienza: Francia - Parigiprovenienza: U.S.A. - New York New York Cityprovenienza: U.S.A. - Illinois Chicago
Collocazione
Art Institute - Art Institute
Identificatore
1100000047
Proprietà
proprietà Ente straniero

Crocifissione di Cristo e donatrice Crocifissione di Cristo e donatrice