RITRATTO DI FRANCESCO MARIA II DELLA ROVERE
Tipo
dipinto
Autore
Barocci Federico 1535 ca./1612 ; motivo dell'attribuzione: bibliografia
Descrizione
La tela fu dipinta intorno al 1572, dopo il ritorno di Francesco Maria II dall'impresa di Lepanto, e si ispira al famoso ritratto eseguito da Tiziano per Francesco Maria I nel 1536-38. Il giovane duca posa per volontà del padre, facendosi ritrarre dal vivo solo per il volto (lo studio del volto è rintracciabile in un piccolo olio su lavagna custodito agli Uffizi) e per lo scorcio della mano sinistra, mentre l'armatura verrà completata dall'artista nel suo studio. La realizzazione di questo dipinto costituisce il primo di una lunga serie di incontri tra F. M. II e Barocci, alla cui arte il duca ricorrerà fino alla morte del pittore (1612).
Soggetto
ritratto di Francesco Maria II Della Rovere
Datazione
sec. XVI , 1572 - 1572 Motivo della datazione: bibliografia
Materia e tecnica
olio su tela
Misure
altezza 113 larghezza 93
Localizzazione
(FI) Firenze
Localizzazione notaprovenienza: Italia - Marche (PU) Pesaroprovenienza: Italia - Toscana (FI) Firenze
Collocazione
Palazzo degli Uffizi - Galleria degli Uffizi
Identificatore
1100000346
Proprietà
proprietà Stato
Allievo di Bartolomeo Genga, ammiratore di Raffaello e del Correggio, Federico Barocci (Urbino 1528/35-1612) avviò nel gusto e nel colore il manierismo barocco. Nelle sue opere impegna la pittura in quello che sarà nel seicento il programma cattolico: contrastare la religione individuale del protestantesimo con il sentimento e il culto collettivi. Federico Barocci è sepolto nella chiesa di San Francesco di Urbino.

Ritratto di Francesco Maria II Della Rovere Ritratto di Francesco Maria II Della Rovere