RITRATTO DI FRATE PROSPERO URBANI
Tipo
dipinto
Autore
Barocci Federico 1535 ca./1612 ; motivo dell'attribuzione: documentazione
Descrizione
Il dipinto va identificato col numero 437 dell''Inventario che si è fatto dalle robe et mobili esistenti nel Palazzo et Guardaroba di Pesaro et altri luoghi dentro et fuori di detta Città (Pesaro, Biblioteca Oliveriana, ms. 460) `Quadretti uno mezzano in tela col retratto di m(aest)ro Prospero francescano con cornici dorate et bandinella di tafetà verde con frangie di seta gialla et verde`. Olsen (1962, p. 205) cita una scritta sul retro del dipinto `M.re Prospero` che conferma l'identificazione del ritratto, sempre citato nei successivi inventari delle collezioni medicee.
Soggetto
ritratto di frate Prospero Urbani
Datazione
sec. XVII , 1600 - 1610 Motivo della datazione: analisi stilistica
Materia e tecnica
olio su tela
Localizzazione
(FI) Firenze
Localizzazione notaprovenienza: Italia - Marche (PU) Pesaroprovenienza: Italia - Toscana (FI) Firenzeprovenienza: Italia - Toscana (FI) Firenze
Collocazione
Palazzo Pitti - Galleria Palatina
Identificatore
1100000351
Proprietà
proprietà Ente locale
Allievo di Bartolomeo Genga, ammiratore di Raffaello e del Correggio, Federico Barocci (Urbino 1528/35-1612) avviò nel gusto e nel colore il manierismo barocco. Nelle sue opere impegna la pittura in quello che sarà nel seicento il programma cattolico: contrastare la religione individuale del protestantesimo con il sentimento e il culto collettivi. Federico Barocci è sepolto nella chiesa di San Francesco di Urbino.

Ritratto di frate Prospero Urbani Ritratto di frate Prospero Urbani