NATURA MORTA CON TRALCI DI UVA BIANCA E NERA SU BASAMENTO DI PIETRA
Tipo
dipinto
Autore
Bonzi Pietro Paolo detto Gobbo dei Frutti o Gobbo dei Carracci - 1576 ca./1636
Descrizione

Le due nature morte sono state rintracciate nel 2000 sul mercato antiquario francese da Ulisse e Gianluca Bocchi (Casalmaggiore, Galleria d'Orlane). L'identificazione delle due tele con quelle citate sia dal Lanzi che da Ticozzi nella collezione del palazzo pesarese degli Olivieri è stata possibile grazie alla presenza di due etichette identiche incollate sul retro, che recano un'iscrizione a penna con grafia sette-ottocentesca. Con ogni probabilità furono acquistate da Fabio degli Abbati Olivieri a Roma, dove egli trascorse la maggiorparte degli anni in cui attendeva alla sua carriera ecclesiastica. Nel 1794 con la morte di Vincenzo Olivieri il patrimonio pervenne per via ereditaria ai Machirelli Giordani, cui è dovuto l'inizio delle dispersioni della quadreria, che si protrarranno fino al 1885, anno in cui venne reso effettivo il fidecommesso Abbati Degli Olivieri-Giordani alla città di Pesaro.

Soggetto
natura morta con tralci di uva bianca e nera su basamento di pietra
Datazione
sec. XVII - 1600 - 1624 - Motivo della datazione: bibliografia
Materia e tecnica
olio su tela
Misure
Altezza: 77 Larghezza: 62.5
Collocazione
Collezione privata
Identificatore
1100000362
Proprietà
proprietà privata