CRISTO IN PIETÀ SORRETTO DA DUE ANGELI
Tipo
dipinto
Autore
Santi Giovanni 1440-1445/1494 ; motivo dell'attribuzione: analisi stilistica
Descrizione
L'attribuzione a Giovanni Santi proposta da Oskar Fischer nel 1924 non è mai stata contestata; il riutilizzo di modelli notato da Varese (1994, p. 233-234) ha confermato questa attribuzione tradizionale ipotizzando la provenienza dalla bottega del maestro. Interessante è il particolare della mosca dipinto sul torace del Cristo; si tratta di un motivo colto derivato dall'antica gara di abilità fra Parrasio e Zeusi narrata da Plinio poi largamente divulgato dalla letteratura artistica. Anche nelle Marche vi sono testimonianze di tali prove di virtuosismo, come la Vergine col Bambino di Carlo Crivelli, datata 1472-1473, conservata al Metropolitan Museum di New York, che, secondo Varese, andrebbe a ribadire il legame di Giovanni Santi con la pittura di Crivelli e dei crivelleschi.
Soggetto
Cristo in pietà sorretto da due angeli
Datazione
sec. XV , 1475 - 1494 Motivo della datazione: analisi stilistica
Materia e tecnica
olio su tela
Misure
altezza 66.5 larghezza 54.5
Localizzazione
(Budapest)Localizzazione notaprovenienza presunta: Italia - Marcheprovenienza: Germania - Monaco di Bavieraprovenienza: Ungheria - Budapest
Collocazione
Szépmuvészeti Mùzeum - Szépmuvészeti Muzéum
Identificatore
1100000447
Proprietà
proprietà Ente straniero

Cristo in pietà sorretto da due angeli Cristo in pietà sorretto da due angeli Cristo in pietà sorretto da due angeli