TEATRO LA FENICE
Tipo
teatro comunale
Autore
Cecchi Antonio - ampliamento
Maggi Carlo - restauro
Pascucci Vincenzo - decorazione a fresco volta della sala
maestranze locali settecentesche B 03000528 (p. 300)
maestranze locali settecentesche B 03001099 (p. 127)
maestranze locali settecentesche B 03001108 (p. 271)
Descrizione

edificio preesistente, Il 18 novembre 1352 il Consiglio Comunale di Amandola delibera la costruzione del nuovo palazzo municipale.

edificio preesistente, Il 18 novembre 1352 il Consiglio Comunale di Amandola delibera la costruzione del nuovo palazzo municipale.

edificio preesistente, Nel 1519 la torre e il palazzo comunale, che minacciavano rovina, vennero radicalmente restaurati.

carattere generale, Le prime notizie di un'attività teatrale, svolta da una compagnia locale di filodrammatici, risalgono al 1584. Gli spettacoli avevano luogo nella sala grande del palazzo comunale (pretorio).

carattere generale, Le prime notizie di un'attività teatrale, svolta da una compagnia locale di filodrammatici, risalgono al 1584. Gli spettacoli avevano luogo nella sala grande del palazzo comunale (pretorio).

carattere generale, Le prime notizie di un'attività teatrale, svolta da una compagnia locale di filodrammatici, risalgono al 1584. Gli spettacoli avevano luogo nella sala grande del palazzo comunale (pretorio).

edificio preesistente, Nella seduta del 28 febbraio 1714 il Consiglio comunale decide di confermare la Deputazione teatrale cittadina

edificio preesistente, Nella seduta del 28 febbraio 1714 il Consiglio comunale decide di confermare la Deputazione teatrale cittadina

edificio preesistente, Dopo la costituzione di una Deputazione cittadina al teatro, il Consiglio comunale delibera nel 1698 l'allestimento delle prime strutture sceniche a carattere permanente.

edificio preesistente, Dopo la costituzione di una Deputazione cittadina al teatro, il Consiglio comunale delibera nel 1698 l'allestimento delle prime strutture sceniche a carattere permanente.

edificio preesistente, Dopo la costituzione di una Deputazione cittadina al teatro, il Consiglio comunale delibera nel 1698 l'allestimento delle prime strutture sceniche a carattere permanente.

intero bene, Nel 1731 il primitivo salone del palazzo pretorio viene trasformato in sala teatrale con la costruzione di tre ordini di palchi.

intero bene, Nel 1731 il primitivo salone del palazzo pretorio viene trasformato in sala teatrale con la costruzione di tre ordini di palchi.

intero bene, Nel 1731 il primitivo salone del palazzo pretorio viene trasformato in sala teatrale con la costruzione di tre ordini di palchi.

intero bene, Nel 1811 la Società filodrammatica, che aveva gestito fino a quel momento l'impianto, viene sostituita da una Società condominiale alla quale il Comune, con delibera del 11 gennaio 1812, cede la proprietà del palazzo pretorio. Ogni condomino si impegna a pagare la propria quota di spese ricevendo come corrispettivo il diritto d'uso di un palco da assegnare per sorteggio all'inizio di ogni stagione.

intero bene, Nel 1811 la Società filodrammatica, che aveva gestito fino a quel momento l'impianto, viene sostituita da una Società condominiale alla quale il Comune, con delibera del 11 gennaio 1812, cede la proprietà del palazzo pretorio. Ogni condomino si impegna a pagare la propria quota di spese ricevendo come corrispettivo il diritto d'uso di un palco da assegnare per sorteggio all'inizio di ogni stagione.

intero bene, Dopo una campagna di restauri diretta dai deputati Raffaele Manardi e Francesco Vermigli e comprendente la decorazione pittorica della volta e della sala, ad opera dell'amandolese Vincenzo Pascucci, e la realizzazione dello scenario, rimasto incompleto, ad opera dello scenografo ascolano Michelesi, nel 1813 il teatro viene inaugurato con il nome di "Teatro dei Sigg. Condomini La Fenice" .

intero bene, Dopo una campagna di restauri diretta dai deputati Raffaele Manardi e Francesco Vermigli e comprendente la decorazione pittorica della volta e della sala, ad opera dell'amandolese Vincenzo Pascucci, e la realizzazione dello scenario, rimasto incompleto, ad opera dello scenografo ascolano Michelesi, nel 1813 il teatro viene inaugurato con il nome di "Teatro dei Sigg. Condomini La Fenice" .

intero bene, Dopo una campagna di restauri diretta dai deputati Raffaele Manardi e Francesco Vermigli e comprendente la decorazione pittorica della volta e della sala, ad opera dell'amandolese Vincenzo Pascucci, e la realizzazione dello scenario, rimasto incompleto, ad opera dello scenografo ascolano Michelesi, nel 1813 il teatro viene inaugurato con il nome di "Teatro dei Sigg. Condomini La Fenice" .

intero bene, Dopo una campagna di restauri diretta dai deputati Raffaele Manardi e Francesco Vermigli e comprendente la decorazione pittorica della volta e della sala, ad opera dell'amandolese Vincenzo Pascucci, e la realizzazione dello scenario, rimasto incompleto, ad opera dello scenografo ascolano Michelesi, nel 1813 il teatro viene inaugurato con il nome di "Teatro dei Sigg. Condomini La Fenice" .

intero bene, Nel 1819 la Società dei condomini affida all'architetto Antonio Cecchi il progetto di ampliamento dell'impianto con l'aggiunta di un avancorpo contenente l'atrio e un salone superiore.

intero bene, Nel 1819 la Società dei condomini affida all'architetto Antonio Cecchi il progetto di ampliamento dell'impianto con l'aggiunta di un avancorpo contenente l'atrio e un salone superiore.

intero bene, Nel 1819 la Società dei condomini affida all'architetto Antonio Cecchi il progetto di ampliamento dell'impianto con l'aggiunta di un avancorpo contenente l'atrio e un salone superiore.

intero bene, Nei primi anni del Novecento il teatro viene nuovamente ristrutturato

intero bene, Nei primi anni del Novecento il teatro viene nuovamente ristrutturato

intero bene, Nei primi anni del Novecento il teatro viene nuovamente ristrutturato

intero bene, Nel 1944 l'edificio viene destinato ad alloggio delle truppe polacche.

intero bene, Nel 1960 la Società dei condomini si scioglie e la proprietà del teatro passa al Comune.

intero bene, Tra il 1964 e il 1968, in due riprese, si effettuano lavori di consolidamento consistenti nella demolizione e ricostruzione con cordoli in cemento armato delle murature perimetrali della zona della scena e nel rifacimento in capriate lignee con tiranti in ferro della copertura del palcoscenico.

intero bene, Nel 1823, a seguito del crollo di una capriata della copertura del palcoscenico, che provoca gravi danni alle scene, ai meccanismi scenici e alle decorazioni, il Consiglio comunale nella seduta del 23 aprile delibera la necessità di un restauro, che viene effettuato l'anno successivo su progetto dell'architetto Carlo Maggi.

intero bene, All'inizio degli anni Novanta viene effettuato un intervento di consolidamento delle strutture murarie e delle coperture.

intero bene, Con delibera n° 164 del 24 ottobre 2000 viene approvato un progetto di restauro comprendente il completamento dei servizi del teatro, la sostituzione degli infissi esterni, le opere di finitura della sala, il restauro dell'apparato decorativo e il completamento e l'adeguamento alle normative degli impianti. I lavori, suddivisi in tre lotti appaltati singolarmente, hanno inizio nel maggio 2001 e sono ultimati nel dicembre 2001.

Datazione
XIV - XIV
Localizzazione
(FM) Amandola
Identificatore
1100036197
Proprietà
proprietà Ente locale

Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice Teatro La Fenice