CHIESA DELLA MADONNA DELLE MACCHIE
Tipo
chiesa conventuale
Autore
Diotallevi di Angeluccio - affresco
Maestro delle Macchie - affresco
Piergentile da Matelica - affresco
Venanzio da Camerino - affresco
Salimbeni Lorenzo - affresco
maestranze locali duecentesche B 03000987 (p. 192)
maestranze locali duecentesche B 03001367 (pp. 141...142)
maestranze locali duecentesche B 03001644 (p. 197)
maestranze locali duecentesche B 03000226 (pp. 85...87)
maestranze locali duecentesche B 03001338 (p. 56)
Descrizione

edificio precedente, Il luogo è occupato da un romitorio benedettino fin dal sec. XI

edificio precedente, Il luogo è occupato da un romitorio benedettino fin dal sec. XI

intero bene, La costruzione della chiesa é fatta risalire al sec. XIII. Questo organismo corrisponde all'aula di quattro campate voltate a crociera che in origine era affiancata da un portico.

intero bene, La costruzione della chiesa é fatta risalire al sec. XIII. Questo organismo corrisponde all'aula di quattro campate voltate a crociera che in origine era affiancata da un portico.

intero bene, La costruzione della chiesa é fatta risalire al sec. XIII. Questo organismo corrisponde all'aula di quattro campate voltate a crociera che in origine era affiancata da un portico.

intero bene, La costruzione della chiesa é fatta risalire al sec. XIII. Questo organismo corrisponde all'aula di quattro campate voltate a crociera che in origine era affiancata da un portico.

intero bene, La costruzione della chiesa é fatta risalire al sec. XIII. Questo organismo corrisponde all'aula di quattro campate voltate a crociera che in origine era affiancata da un portico.

intero bene, Nel 1993 si restaura la chiesa.

intero bene, Fra il 1543 ed il 1605, al tempo del rettore Orazio Lucarelli, come attesta un'iscrizione apposta su un pilastro della chiesa, quest'ultima è ampliata trasformando l'originario porticato in una seconda chiesa attraverso il tamponamento delle arcate.

affreschi della chiesa originaria, La chiesa originaria contiene affreschi eseguiti da Diotallevi di Angeluccio (ultimo quarto del sec. XIV) e del Maestro delle Macchie (1487, data che sigla la figura di un santo). Il Serra in B 03000270 afferma che almeno due Madonne, fra i molti frammenti di affreschi, potrebbero essere attribuite a Lorenzo Salimbeni.

affreschi della chiesa originaria, La chiesa originaria contiene affreschi eseguiti da Diotallevi di Angeluccio (ultimo quarto del sec. XIV) e del Maestro delle Macchie (1487, data che sigla la figura di un santo). Il Serra in B 03000270 afferma che almeno due Madonne, fra i molti frammenti di affreschi, potrebbero essere attribuite a Lorenzo Salimbeni.

affreschi della chiesa originaria, La chiesa originaria contiene affreschi eseguiti da Diotallevi di Angeluccio (ultimo quarto del sec. XIV) e del Maestro delle Macchie (1487, data che sigla la figura di un santo). Il Serra in B 03000270 afferma che almeno due Madonne, fra i molti frammenti di affreschi, potrebbero essere attribuite a Lorenzo Salimbeni.

affreschi della chiesa originaria, La chiesa originaria contiene affreschi eseguiti da Diotallevi di Angeluccio (ultimo quarto del sec. XIV) e del Maestro delle Macchie (1487, data che sigla la figura di un santo). Il Serra in B 03000270 afferma che almeno due Madonne, fra i molti frammenti di affreschi, potrebbero essere attribuite a Lorenzo Salimbeni.

affreschi della chiesa originaria, La chiesa originaria contiene affreschi eseguiti da Diotallevi di Angeluccio (ultimo quarto del sec. XIV) e del Maestro delle Macchie (1487, data che sigla la figura di un santo). Il Serra in B 03000270 afferma che almeno due Madonne, fra i molti frammenti di affreschi, potrebbero essere attribuite a Lorenzo Salimbeni.

affreschi della chiesa ampliata, La parete nord é affrescata dal Maestro delle Macchie (ultimo quarto del sec. XV) che vi rappresenta la "Regina in trono" e da Venanzo da Camerino, spesso con Piergentile da Matelica, con una Madonna in trono (1515-1530). A questi ultimi due artisti è atribuito anche l'affresco della parete orientale.

affreschi della chiesa ampliata, La parete nord é affrescata dal Maestro delle Macchie (ultimo quarto del sec. XV) che vi rappresenta la "Regina in trono" e da Venanzo da Camerino, spesso con Piergentile da Matelica, con una Madonna in trono (1515-1530). A questi ultimi due artisti è atribuito anche l'affresco della parete orientale.

affreschi della chiesa ampliata, La parete nord é affrescata dal Maestro delle Macchie (ultimo quarto del sec. XV) che vi rappresenta la "Regina in trono" e da Venanzo da Camerino, spesso con Piergentile da Matelica, con una Madonna in trono (1515-1530). A questi ultimi due artisti è atribuito anche l'affresco della parete orientale.

affreschi della chiesa ampliata, La parete nord é affrescata dal Maestro delle Macchie (ultimo quarto del sec. XV) che vi rappresenta la "Regina in trono" e da Venanzo da Camerino, spesso con Piergentile da Matelica, con una Madonna in trono (1515-1530). A questi ultimi due artisti è atribuito anche l'affresco della parete orientale.

intero bene, La chiesa è danneggiata dal terremoto del 26.9.1997.

Datazione
XII - XII
Localizzazione
(MC) Gagliole
Identificatore
1100046758
Proprietà
proprietà Ente ecclesiastico

Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie Chiesa della Madonna delle Macchie