TEATRO GIUSEPPE PIERMARINI
Tipo
teatro condominiale
Autore
Piermarini Giuseppe - progetto dell'edificio originario
Belli Domenico - capomastro
Fontana Francesco - capomastro
Ispiridiano Mattei - decorazioni pittoriche
Ghinelli Vincenzo - progetto di ristrutturazione
Cortesi Nicola - capomastro
Cappelloni Raffaele - decorazioni
Recanatini Giuseppe - decorazioni pittoriche
Petrini Luigi - progetto di ristrutturazione
Buccolini Tito - decorazioni pittoriche
Bartolomei Giuseppe - decorazioni pittoriche
Carbonari Luigi - decorazioni
Malagodi Gaetano - scenografie
maestranze locali ottocentesche B 03001356 (pp. 110...111)
maestranze locali ottocentesche B 03001372 (pp. 125...135)
maestranze locali ottocentesche B 03001642 (pp.: 5...6
maestranze locali ottocentesche B 03000738 (p. 399)
maestranze locali ottocentesche B 03001017 (pp. 252...253)
maestranze locali ottocentesche B 03001617 (p. 47)
Descrizione

intero bene, A partire dal 1805, su iniziativa di quattro privati, si acquistano e demoliscono alcune case, quasi di fronte a Palazzo Piersanti, per costruire il nuovo teatro. Il progetto è affidato all'arch. Giuseppe Piermarini, i lavori sono eseguiti dai copomastri Domenico Belli e Francesco Fontana e le decorazioni pittoriche sono affidate a Ispiridiano Mattei. I lavori si concludono nel 1812.

intero bene, A partire dal 1805, su iniziativa di quattro privati, si acquistano e demoliscono alcune case, quasi di fronte a Palazzo Piersanti, per costruire il nuovo teatro. Il progetto è affidato all'arch. Giuseppe Piermarini, i lavori sono eseguiti dai copomastri Domenico Belli e Francesco Fontana e le decorazioni pittoriche sono affidate a Ispiridiano Mattei. I lavori si concludono nel 1812.

intero bene, A partire dal 1805, su iniziativa di quattro privati, si acquistano e demoliscono alcune case, quasi di fronte a Palazzo Piersanti, per costruire il nuovo teatro. Il progetto è affidato all'arch. Giuseppe Piermarini, i lavori sono eseguiti dai copomastri Domenico Belli e Francesco Fontana e le decorazioni pittoriche sono affidate a Ispiridiano Mattei. I lavori si concludono nel 1812.

intero bene, A partire dal 1805, su iniziativa di quattro privati, si acquistano e demoliscono alcune case, quasi di fronte a Palazzo Piersanti, per costruire il nuovo teatro. Il progetto è affidato all'arch. Giuseppe Piermarini, i lavori sono eseguiti dai copomastri Domenico Belli e Francesco Fontana e le decorazioni pittoriche sono affidate a Ispiridiano Mattei. I lavori si concludono nel 1812.

intero bene, A partire dal 1805, su iniziativa di quattro privati, si acquistano e demoliscono alcune case, quasi di fronte a Palazzo Piersanti, per costruire il nuovo teatro. Il progetto è affidato all'arch. Giuseppe Piermarini, i lavori sono eseguiti dai copomastri Domenico Belli e Francesco Fontana e le decorazioni pittoriche sono affidate a Ispiridiano Mattei. I lavori si concludono nel 1812.

intero bene, A partire dal 1805, su iniziativa di quattro privati, si acquistano e demoliscono alcune case, quasi di fronte a Palazzo Piersanti, per costruire il nuovo teatro. Il progetto è affidato all'arch. Giuseppe Piermarini, i lavori sono eseguiti dai copomastri Domenico Belli e Francesco Fontana e le decorazioni pittoriche sono affidate a Ispiridiano Mattei. I lavori si concludono nel 1812.

intero bene, Nel biennio 1849-1850 il teatro é ristrutturato su progetto di Vincenzo Ghinelli. I lavori sono affidati al capomastro Nicola Cortesi, le opere di intaglio e di doratura a Raffaele Cappelloni e le decorazioni pittoriche a Giuseppe Recanatini. I lavori interessano l'ampliamento del boccascena e del palcoscenico, il rifacimento della curva dei palchi e delle scale di accesso.

intero bene, Nel biennio 1849-1850 il teatro é ristrutturato su progetto di Vincenzo Ghinelli. I lavori sono affidati al capomastro Nicola Cortesi, le opere di intaglio e di doratura a Raffaele Cappelloni e le decorazioni pittoriche a Giuseppe Recanatini. I lavori interessano l'ampliamento del boccascena e del palcoscenico, il rifacimento della curva dei palchi e delle scale di accesso.

intero bene, Nel biennio 1849-1850 il teatro é ristrutturato su progetto di Vincenzo Ghinelli. I lavori sono affidati al capomastro Nicola Cortesi, le opere di intaglio e di doratura a Raffaele Cappelloni e le decorazioni pittoriche a Giuseppe Recanatini. I lavori interessano l'ampliamento del boccascena e del palcoscenico, il rifacimento della curva dei palchi e delle scale di accesso.

intero bene, Nel biennio 1849-1850 il teatro é ristrutturato su progetto di Vincenzo Ghinelli. I lavori sono affidati al capomastro Nicola Cortesi, le opere di intaglio e di doratura a Raffaele Cappelloni e le decorazioni pittoriche a Giuseppe Recanatini. I lavori interessano l'ampliamento del boccascena e del palcoscenico, il rifacimento della curva dei palchi e delle scale di accesso.

intero bene, Fra il 1873-1878 il teatro é ristrutturato nuovamente su progetto di Luigi Petrini, che consegna i suoi disegni l'8 luglio 1873. Essi prevedono, fra l'altro, la riduzione a loggione dell'ultimo ordine di palchi, la demolizione della volta della sala e la sopraelevazione della struttura muraria. Le decorazioni pittoriche sono affidate a Tito Buccolini e Giuseppe Bartolomei, le dorature a Luigi Carbonari e le scenografie a Gaetano Malagodi

intero bene, Fra il 1873-1878 il teatro é ristrutturato nuovamente su progetto di Luigi Petrini, che consegna i suoi disegni l'8 luglio 1873. Essi prevedono, fra l'altro, la riduzione a loggione dell'ultimo ordine di palchi, la demolizione della volta della sala e la sopraelevazione della struttura muraria. Le decorazioni pittoriche sono affidate a Tito Buccolini e Giuseppe Bartolomei, le dorature a Luigi Carbonari e le scenografie a Gaetano Malagodi

intero bene, Fra il 1873-1878 il teatro é ristrutturato nuovamente su progetto di Luigi Petrini, che consegna i suoi disegni l'8 luglio 1873. Essi prevedono, fra l'altro, la riduzione a loggione dell'ultimo ordine di palchi, la demolizione della volta della sala e la sopraelevazione della struttura muraria. Le decorazioni pittoriche sono affidate a Tito Buccolini e Giuseppe Bartolomei, le dorature a Luigi Carbonari e le scenografie a Gaetano Malagodi

intero bene, Fra il 1873-1878 il teatro é ristrutturato nuovamente su progetto di Luigi Petrini, che consegna i suoi disegni l'8 luglio 1873. Essi prevedono, fra l'altro, la riduzione a loggione dell'ultimo ordine di palchi, la demolizione della volta della sala e la sopraelevazione della struttura muraria. Le decorazioni pittoriche sono affidate a Tito Buccolini e Giuseppe Bartolomei, le dorature a Luigi Carbonari e le scenografie a Gaetano Malagodi

intero bene, Il teatro è restaurato prima della fine del sec. XX e riaperto nel 1995. In tale occasione sotto il palcoscenico e la platea sono ritrovati i resti delle terme romane e di una capanna picena.

intero bene, Il teatro è restaurato prima della fine del sec. XX e riaperto nel 1995. In tale occasione sotto il palcoscenico e la platea sono ritrovati i resti delle terme romane e di una capanna picena.

intero bene, Il teatro è danneggiato dal sisma del 26.9.1997.

Datazione
XIX - XIX
Localizzazione
(MC) Matelica
Identificatore
1100046773
Proprietà
proprietà Ente locale

Teatro Giuseppe Piermarini Teatro Giuseppe Piermarini Teatro Giuseppe Piermarini