TEMPIETTO BRAMANTESCO
Tipo
tempietto votivo
Autore
Bramante Donato - costruzione
Descrizione

intero bene

Datazione
XV - XV
Localizzazione
(PU) Urbania
Identificatore
1100048053
Proprietà
proprietà Ente ecclesiastico
Donato di Pascuccio d'Antonio detto Bramante, pittore e architetto, nasce a Urbino nel 1444 e muore a Roma nel 1514. Secondo il Rotondi (1973) le soluzioni prospettiche e illusionistiche dello studiolo del Duca nel Palazzo Ducale potrebbero essere attribuite al giovane Bramante. La cultura classica del Bramante si forma a Urbino, nella scuola di Melozzo da Forlì. Ai primi anni lombardi risalgono i suoi primi affreschi "Casa Panigarola". Come architetto esordì a Pavia, Vigevano e Abbiategrasso. A Milano ricostruì la chiesa di Santa Maria presso S. Satiro (1482) e innalzò la chiesa di S. Maria delle Grazie. Trasferitosi a Roma nel 1499, vi realizzò i primi capolavori del classicismo cinquecentesco: il chiostro di S. Maria della pace (1500-1504), il tempietto circolare di S. Pietro in Montorio (1509). Per San Pietro concepì un grandioso organismo (incarico affidatogli da Papa Giulio II nel 1506) a croce greca che, in parte, verrà ripreso da Michelangelo nel 1547. Dopo la morte del Bramante, 1514 la direzione dei lavori della costruzione di San Pietro passa a Raffaello, la cui concezione architettonica è interamente bramantesca, depurata però da ogni illusionismo spaziale.

Tempietto bramantesco Tempietto bramantesco Tempietto bramantesco Tempietto bramantesco Tempietto bramantesco