VILLA SPADA LAVINI, CORPO CENTRALE
Tipo
gentilizia(Macrotipo: architettura residenziale)
Autore
costruzione ambito culturale: maestranze locali
Descrizione
intero bene - preesistenze - secolo XVII - nel 1664 il vescovo Rinuccini, vescovo di Fermo, vende la tenuta di Montepolesco ai Lavini, che diventano conti di Montepolesco. In questo periodo i Lavini trasformano il vecchio castello in villa, edificando probabilmente l'attuale corpo centrale e costruendo la chiesa di S. Maria della Neveintero bene - preesistenze - secolo XIV - l'edificio centrale, come il resto del complesso, ingloba porzioni limitate del vecchio castello dei feudatari osimani Rinuccini. Murature risalenti al periodo di presenza dei Rinuccini a Montepolesco tra i secoli XIV e XVIIintero bene - impianto - secolo XVIII - alla fine del settecento, la famiglia Spada di Terni si unisce in parentela ai Lavini di Montepolesco. Il conte Girolamo Spada alla fine degli anni ottanta del secolo inizia la trasformazione della villa, lavoro che durerà sino all'inizio del secolo XIX. La trasformazione sarà complessiva, unificando tutti gli edifici preesistenti in un nuovo impianto di geometrie neoclassiche e decorazioni rococò
Localizzazione
(AN) Filottrano
Altra località: Montepolesco (IGM)-
Identificatore
1100049988

Villa Spada Lavini, corpo centrale Villa Spada Lavini, corpo centrale Villa Spada Lavini, corpo centrale Villa Spada Lavini, corpo centrale Villa Spada Lavini, corpo centrale Villa Spada Lavini, corpo centrale Villa Spada Lavini, corpo centrale Villa Spada Lavini, corpo centrale Villa Spada Lavini, corpo centrale Villa Spada Lavini, corpo centrale