VILLA SPADA-LAVINI, ALA OVEST
Tipo
gentilizia(Macrotipo: architettura residenziale)
Autore
costruzione ambito culturale: maestranze locali
Descrizione
intero bene - impianto - secolo XVIII - alla fine del secolo XVIII i Lavini cedono l'intera tenuta agli Spada di Terni con i quali si erano imparentati. La trasformazione complessiva della villa operata dal conte Girolamo restituisce un assetto nuovo anche di questa ala ovest con la nuova facciata unitaria verso la corte centrale che comprende anche un doppione speculare della chiesa di S. Maria della Neve situata nell'ala est, ma utilizzato come café hausintero bene - preesistenze - secolo XIV - il torrione poligonale e forse il corpo quadrato a tre piani che si estende verso ovest (almeno nella parte basse a scarpa) sono elementi del vecchio castello feudale dei Rinuccini, posseduto dai feudatari osimani tra i secoli XIV e XVII, dopo il 1360 e fino al 1664intero bene - preesistenze - secolo XVII - la seconda trasformazione subita da tutto l'edificio riguarda la trasformazione del castello di Montepolesco in villa, operata dai Lavini in seguito all'acquisto di tutta la tenuta, avvenuto nel 1664. Residui di questi lavori permangono sulle murature perimetrali del lato ovest che inglobano alcuni tratti scarpati anche più vecchi, relativi al castello dei Rinuccini
Localizzazione
(AN) Filottrano
Altra località: Montepolesco (IGM)-
Identificatore
1100049989

Villa Spada-Lavini, ala ovest Villa Spada-Lavini, ala ovest Villa Spada-Lavini, ala ovest Villa Spada-Lavini, ala ovest Villa Spada-Lavini, ala ovest Villa Spada-Lavini, ala ovest Villa Spada-Lavini, ala ovest