CONVENTO DI S. FRANCESCO
Tipo
convento francescano (conventuale)
Autore
Pietro da Bellinzona - ricostruzione volta refettorio
maestranze locali analisi dei caratteri stilistici e costruttivi (n.d.c.)
Descrizione

intero bene, Nel 1275 si comincia a costruire la chiesa di S.Francsco su terreno donato dal Comune, pochi anni dopo, circa nel 1280, si costruisce anche il convento. A questa data il convento, costituito da da un corpo edilizio ad U addossato al fianco della chiesa, è distribuito su due piani seminterrati e sul piano terreno. Al centro della U si sviluppa un grande spazio aperto primo nucleo del portico, al di sotto del piano di calpestio viene scavata una profonda cisterna per la raccolta dell'acqua piovana, la cistrna è tutt'ora collegata al sistema dell'acquedotto comunale.

intero bene, Un forte terremoto reca numerosi danni alla chiesa ed al convento.

lunette del chiostro, Viene realizzato il ciclo di tempere sulle lunette del chiostro che narrano episodi della vita francescana.

intero bene, A seguito della suddivisione dell`ordine francescano in Osservanti e Conventuali la chiesa ed il convento passano a questi ultimi.

intero bene, Vengono riparati i danni recati dal terremoto del 1737. Verosimilmente vengono ricostruiti tre dei quattro prospetti sul chiostro.

intero bene, Il giorno 26 settembre 1997 ha inizio una serie di scosse sismiche che provoca nell'edifcio i seguenti danni: lesioni diffuse ed isolate sia sulle murature che sulle volte

intero bene, Il giorno 20/07/1999 è approvato dai competenti uffici il progetto di ripristino, recupero e restauro che in particolare prevede le seguenti opere: demolizioni e rimozioni delle parti lesionate (riferibili a stutture portanti e non, intonaci, pavimenti, rivestimenti, ...)

intero bene, Il giorno 03/02/2000 si consegnano i lavori che avranno una durata di 545 giorni.

convento, Durante i secoli XV e XVI il convento subisce notevoli modifiche e restauri, con ogni probabilità è durante questo periodo che viene realizzato il corpo verso valle addossato agli ambienti seminterrati.

androne, A seguito della costruzione davanti alla facciata di S.Francesco della chiesa di S.Maria Maggiore, di dimensioni molto minori e ruotata di 90° rispetto all'asse della fabbrica francescana, si realizzò tra le due chiese un androne voltato. Si formò così una via interna che scendeva verso il borgo.

portale, Il portale della chiesa di S.Francesco viene spostato all`ingresso dell`androne sulla piccola facciata prospiciente la via principale.

chiostro e piano primo, Vengono realizzati il chiostro ed il piano primo del convento. E` probabile che il piano superiore del chiostro sia dotato di piccole aperture con arco a tutto sesto in numero doppio rispetto alle arcate del piano terreno, come si evince dalla osservazione di alcune tracce di queste finestre ancora visibili sul paramento di un prospetto del chiostro.

refettorio, Viene ricostruita la volta del refettorio ad opera del maestro comacino Pietro da Bellinzona.

intero bene, Il convento viene devastato e soppresso.

intero bene, Il convento viene riaperto.

intero bene, Il convento viene nuovamente soppresso, mentre la chiesa rimane aperta al pubblico.

intero bene, Il convento diviene sede della Regia Scuola Tecnica Andrea Vici. Per adattare l'edificio a tale uso vengono realizzate notevoli trasformazioni soprattutto al piano primo: realizzazione della scala coperta con chiostrina in asse con l'androne e sostituzione della scala originaria

intero bene, Il convento diventa sede della Scuola Media Statale e poi degli Uffici Comunali.

intero bene, Il giorno 26 settembre 1997 ha inizio una serie di scosse sismiche che provoca nell'edificio i seguenti danni: ai piani seminterrati lesioni isolate sulle pareti esterne N-E e sulle pareti ad esse ortogonali, presenza di fuori piambo nei vani del corpo originario

intero bene, Il giorno 20/07/1999 è approvato dai competenti uffici il progetto di ripristino, recupero e restauro che in particolare prevede le seguenti opere: demolizioni e rimozioni delle parti lesionate (riferibili a stutture portanti e non, intonaci, pavimenti, rivestimenti, ...)

piano terra, zona sud-est, Alcuni locali al piano terreno vengono restaurati e destinati a sede del locale Museo Archeologico Statale.

Datazione
XIII - XIII
Localizzazione
(AN) Arcevia
Identificatore
1100119250
Proprietà
proprietà Ente locale

Allestimento sala di Conelle Allestimento sezione oreficerie e vasi dal sepolcreto gallico di Montefortino Allestimento sala del paleolitico con reperti provenienti da loc. Ponte Pietra Sala con manufatti dell Sala con manufatti dell Sala Conelle, fossato difensivo eneolitico Sala con reperti provenienti dall Sala Conelle, fossato difensivo eneolitico Sala Conelle, fossato difensivo eneolitico Sala con manufatti dell Portico interno del Chiostro di San Francesco, sede del Museo Archeologico Statale Portico interno del Chiostro di San Francesco, sede del Museo Archeologico Statale Portico interno del Chiostro di San Francesco, sede del Museo Archeologico Statale Sala con manufatti dell Sala con manufatti dell Sala Conelle, fossato difensivo eneolitico Sala con reperti provenienti dall Sala Conelle, vetrina con vasellame Vetrina con esposizione di corredi funerari delle tombe 30-30 bis (provenienti dalla necropoli di Montefortino di Arcevia) Portico interno del Chiostro di San Francesco, sede del Museo Archeologico Statale di Arcevia Plastico del giacimento paleolitico di Ponte di Pietra Plastico del giacimento paleolitico di Ponte di Pietra Corredo dalla necropoli gallica di Montefortino d’Arcevia Sepolcreto gallico di Montefortino d