MADONNA CON BAMBINO, ANGELI, SANTO STEFANO, SAN GIOVANNI EVANGELISTA, SIMONE, GIUDA E LORENZO
Tipo
dipinto
Autore
Lotto Lorenzo 1480/ 1557 ; motivo dell'attribuzione: firma
Descrizione
Il rinvenimento dell`atto di allogazione ha chiarito sia l`anno di esecuzione che il nome del committente Simone di Giovannino De Pinzoni, cittadino anconetano. Dal contratto si apprende anche il nome dei Santi che dovevano comparire nell'opera; innovativa è l'identità del santo che reca l'alabarda con la punta rivolta verso il terreno, appunto San Simone che la critica aveva definito San Mattia. Alla luce del documento è implicito il riferimento al nome del committente, mentre per l'alabarda rovesciata la critica offre un'interpretazione storico-politica (fine della tirannia del Card. Accolti). Originariamente il dipinto aveva forma centinata. Recentemente (1994) nel Convento dei Domenicani di Ancona è stata rintracciata, su segnalazione dell'architetto Massimo Di Matteo, la lunetta con Spirito Santo e Angeli, pertinente alla pala.
Soggetto
Madonna con Bambino, Angeli, Santo Stefano, San Giovanni Evangelista, Simone, Giuda e Lorenzo
Datazione
sec. XVI , 1538 - 1538 Motivo della datazione: documentazione
Materia e tecnica
tela/ pittura a olio
Misure
altezza 295 larghezza 210
Localizzazione
(AN) Ancona
luogo di provenienza: (AN) Anconaluogo di provenienza: (PU) Urbinoluogo di provenienza: (AN) Anconaluogo di provenienza: (AN) Anconaluogo di provenienza: (AN) Anconaluogo di provenienza: (AN) Ancona
Collocazione
Palazzo Bosdari - indirizzo: via C. Pizzecolli, 17 - Pinacoteca Civica F. Podesti
Identificatore
1100115785
Proprietà
proprietà Ente pubblico territoriale
Lorenzo Lotto (Venezia, 1480 - Loreto, 1556-1557). Originale esponente del Rinascimento veneziano del primo Cinquecento, nasce intorno al 1480 a Venezia, dove riceve la sua prima formazione artistica. Personalità anticonformista, emarginato dal contesto lagunare, all’epoca dominato da Tiziano, viaggia molto, avviando scuole in zone considerate periferiche per le arti come Bergamo e le Marche. Tra le opere in Italia: il Polittico di Recanati (AN) 1506, la Pala di San Bernardino, Bergamo 1521, gli affreschi dell’Oratorio Suardi di Trescore (BG) 1524, la Vergine annunciata, Jesi (AN) 1526, Crocifissione di Monte San Giusto (MC) 1534, Annunciazione, Recanati (AN) 1534, Madonna del Rosario Cingoli (MC) 1539, Assunta, Ancona 1550, Presentazione al Tempio di Loreto (AN) 1552-1556, forse l’ultima opera. Soggetto sofferto, introverso e umorale, capace di profonda penetrazione psicologica,sarà molto richiesto come ritrattista, tra i quali: Ritratto di Lucina Brembati, 1518, Uomo con guanto, 1524 ca., Ritratto di Andrea Odoni 1527, Triplice ritratto di orefice, 1530, Ritratto di gentildonna nelle vesti di Lucrezia, 1533. La visione di una natura misteriosa e inquieta si affina nei lavori della vecchiaia trascorsa come oblato presso la Santa Casa di Loreto nelle Marche, dove verrà ritrovato il Libro di spese diverse, diario prezioso per capire la sua vita. Molti i suoi dipinti, dislocati tra le province di Ancona e Macerata, conservati in musei e pinacoteche, in chiese e pievi. Muore a Loreto nel 1557. La rivalutazione del suo lavoro è dovuto in gran parte alla critica moderna.

Madonna con Bambino, Angeli, Santo Stefano, San Giovanni Evangelista, Simone, Giuda e Lorenzo Madonna con Bambino, Angeli, Santo Stefano, San Giovanni Evangelista, Simone, Giuda e Lorenzo Madonna con Bambino, Angeli, Santo Stefano, San Giovanni Evangelista, Simone, Giuda e Lorenzo Madonna con Bambino, Angeli, Santo Stefano, San Giovanni Evangelista, Simone, Giuda e Lorenzo Madonna con Bambino, Angeli, Santo Stefano, San Giovanni Evangelista, Simone, Giuda e Lorenzo Pala dell